• PECHINO

Cina e Vaticano, un accordo che fa comodo a Pechino

Macao

Comunicato della Sala Stampa Vaticana del 22 settembre: i due rappresentanti, della Cina e del Vaticano, hanno "firmato un Accordo Provvisorio sulla nomina dei Vescovi". Pace fatta? No, perché si tratta di un armistizio e andrà rivisto di volta in volta. Farà comodo alla Chiesa Cattolica questo accordo? C'è da dubitarne fortemente. Farà comodo al governo cinese? Molto. A questo punto hanno uno strumento micidiale per allineare anche coloro che hanno resistito tutti questi anni per manifestare la loro fede e il loro attaccamento alla Santa Sede.

JOSEPH ZEN: DIRE NIENTE CON TANTE PAROLE 

Editoriale

    • GERMANIA

    Lo 007 perde il posto. La Merkel rischia il governo

    Il caso dell'ex capo dei Servizi di sicurezza interni tedeschi Bundesamt für Verfassungsschutz, (BfV), Hans-Georg Maassen, rimosso dal governo per la sua supposta vicinanza con il partito Alternative fur Deutscheland (AfD), resta una spina nel fianco per l’esecutivo della cancelliera Angela Merkel, dopo l'ultima crisi dell'immigrazione.

    • ABUSI

    Der Spiegel narra l'oscura grande crisi della Chiesa

    Der Spiegel dedica diciannove pagine – e la copertina – alla crisi della Chiesa dopo le rivelazioni di abusi e coperture dal Cile all’Honduras, dagli Usa alla Germania, culminati con il caso McCarrick e la testimonianza dell’arcivescovo Viganò. E intervista anche le vittime degli abusi in Argentina, toccando da vicino anche il Papa.

Ultimi articoli

    • GUERRA INFINITA

    Siria, raggiunta l'intesa fra Russia e Turchia

    Neppure l’abbattimento dell’aereo spia russo IL-20, a quanto sembra ad opera di missili antiaerei siriani, ingannati dalle contromisure elettroniche dei caccia israeliani, è riuscito a far saltare l’intesa tra Mosca e Ankara che sembra poter disinnescare la crisi nella provincia di Idlib. Si dovrà però combattere contro i guerriglieri qaedisti.

    • ECONOMIA SOTTO ACCUSA

    Braccio di ferro con Tria, ma la corda potrebbe spezzarsi

    Quanto sta accadendo al governo nello scontro con Tria ricorda le tensioni scoppiate nel secondo governo Berlusconi con il ministro degli Esteri Ruggiero: corpo estraneo alla politica, ma garante dei "poteri forti". Il rischio di strappi è concreto, ma Di Maio e Salvini devono stare attenti a non esagerare perché interrompere la legislatura senza aver portato a casa nulla potrebbe essere controproducente.