• IL LIBRO

    “Nati guasti”. Cinque Passi al Mistero con Padre Botta

    Il libro Nati guasti riporta fedelmente i ‘Cinque Passi al Mistero’, le catechesi del sacerdote oratoriano padre Maurizio Botta e le sue risposte alle domande di giovani e adulti. Per “avvicinare i lontani senza mai, neanche per un attimo, allontanarsi da Colui che sta al centro del suo cuore e dei suoi pensieri, Gesù Cristo”.

    • IL FILM E IL ROMANZO

    Romolo, il primo re, tra leggenda e realtà

    Chi ha visto il recentissimo Il primo re, film italiano che ripercorre, romanzandole, le vicende di Romolo e Remo, forse sarà rimasto leggermente spiazzato da quel che ha visto. Una più convincente ricostruzione di quei primordi è fornita da un romanzo appena uscito Romolo, il primo re, pieno di dettagli plausibili.

    • IL LATINO SERVE A TUTTI/IL

    Il realismo antico e quello cristiano e contemporaneo

    Un profondo cambiamento nella concezione del realismo nell’antichità avviene con il cristianesimo. L’evento cristiano non rivoluziona soltanto l’arte figurativa, bensì introduce profondi elementi di novità anche nell’ambito della concezione della letteratura.

    • LA MOSTRA

    Alla scoperta di Antonello, il “pittore non umano”

    Al Palazzo Reale di Milano, fino al 2 giugno, è aperta una splendida mostra su Antonello da Messina (1430-1479). Grazie a prestiti di diversi musei italiani e stranieri, sono esposte ben 19 delle 35 opere autografe del maestro siciliano: un’occasione imperdibile per conoscere e ammirare un pittore che, attraverso i suoi straordinari volti dipinti, sapeva aprire lo sguardo al mistero.

    • A TEATRO

    Gran ritorno dei Miserabili. Parla Branciaroli

    I Miserabili di Victor Hugo rivivono a teatro nell’adattamento di Luca Doninelli e la regia di Franco Però . Con uno straordinario Franco Branciaroli nei panni di Jean Valjea: l'intervista per la Nuova Bq.

    • TOTALITARISMI

    Enver, il genocida degli armeni ucciso dai sovietici

    Un nuovo studio dello storico Alberto Rosselli, Breve storia della guerra civile russa 1917-1920, fa riemergere l'incontro e lo scontro fra due totalitarismi. Enver Pascià, responsabile del genocidio degli armeni, venne chiamato da Lenin nella Russia sovietica per pacificare le province musulmane dell'impero rosso. Ma si unì ai ribelli.

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    La Pietà Rondanini, Michelangelo cerca la Verità

    Il Buonarroti lavorò a più riprese sul blocco della Pietà Rondanini. Interrogò la pietra cercando, a colpi di scalpello, la Verità. Il blocco di marmo di Carrara, così potentemente espressivo, ci introduce nell’imminente tempo di Quaresima, invitandoci a riflettere sul dolore patito da Cristo che qui coincide, simbioticamente, con quello di Sua Madre, Maria. Difficile capire chi sorregga l’altro, perché le due figure risultano essere un tutt’uno.

    • MULTICULTURALISMO

    Oscar, lo scontro fra minoranze prevale sull'arte

    Oscar 2019. Vince Green Book, contro il razzismo. Ma a Spike Lee non basta: è ancora troppo razzista. Vince Malek e dedica la vittoria a immigrati e gay. Vince Cuaron: che è messicano. E il presentatore, afro-americano, si è dovuto ritirare per le polemiche (sui gay). Uno scontro tribale fra minoranze, tutto politico, travolge anche l'arte.

    • FORZA MAGGIORE

    Ostlund, il regista che narra la maschilità abbandonata

    Ruben Östlund è un regista svedese decisamente controcorrente. Nel film Forza Maggiore, narra la vicenda di una famiglia in cui il padre si comporta da vigliacco. Un episodio di pochi secondi che rovina la vita famigliare. Perché nonostante l'educazione gender neutral, i ruoli tradizionali riemergono.

    • IL LATINO SERVE A TUTTI/XLVIII

    Petronio, il Vangelo spunta a Roma come parodia

    Il Satyricon è considerato il primo romanzo antico latino. Scritto da Petronio contiene anche diversi riferimenti al Vangelo di Marco che fa il suo primo ingresso nel mondo romano. Anche se sotto forma di parodia. 

    • IL BELLO DELLA LITURGIA

    Cattedra di Pietro, il culto del Magistero di Cristo

    La rocambolesca e affascinante storia della Cattedra di Pietro che la tradizione identitifica con quella utilizzata dal vicario di Cristo. E le parole che utilizzò per essa San Paolo VI per incentivare il "culto amoroso, fiducioso e filiale al magistero ecclesiastico stabilito da Cristo; e sia a noi propizio l’Apostolo, che primo ne ebbe il mandato".

    • (IN)GIUSTIZIA

    La condanna di Formigoni è un avvertimento

    La Cassazione conferma la condanna per l'ex governatore della Lombardia: 5 anni e 10 mesi di reclusione, un piccolo sconto - causa prescrizione di un capo d'imputazione - rispetto ai 7 anni e sei mesi decisi in appello. Un chiaro avvertimento a un certo mondo cattolico.